Il presente sito non presenta parti in cui l'utente è chiamato ad operazioni non sicure, come l'inserimento di dati personali od altri dati.
L'utente non ha la possibilità, in alcun modo, di inviare dal presente sito dati a terzi; in caso contrario, per meglio garantire la vostra sicurezza e privacy, chiediamo di segnalarcelo urgentemente attraverso mail a info@bandacarugate.it . L'unica pagina in cui vi chiediamo di inserire dati è la pagina per contattarci ed avere informazioni su qualsiasi cosa.

I cookie sono particolari informazioni trasmesse nell'intestazione HTTP. I cookie sono inviati dal sito web e memorizzati sul computer, anche sottoforma di file di testo, e re-inviati al sito web al momento delle visite successive.
Una procedura di manipolazione sui cookie è la cookie poisoning. Consiste nel modificare i contenuti di un cookie (per esempio le informazioni personali salvate nel computer dell'utente) con il fine di eludere i meccanismi di sicurezza. Attraverso questa tecnica chi attacca può ottenere informazioni private e non autorizzate da un utente, nonché rubare la sua identità.

Il phishing è una attività illegale, ed è utilizzata per ottenere l'accesso a informazioni personali o riservate con la finalità del furto di identità mediante l'utilizzo delle comunicazioni elettroniche, soprattutto messaggi di posta elettronica fasulli o messaggi istantanei, ma anche contatti telefonici. Grazie a questi messaggi, l'utente è ingannato e portato a rivelare dati personali, come numero di conto corrente, numero di carta di credito, codici di identificazione.

Già all'art. 8 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo stabiliva che non può esservi ingerenza di una autorità pubblica nell'esercizio di tale diritto a meno che tale ingerenza sia prevista dalla legge e costituisca una misura che, in una società democratica, è necessaria per la sicurezza nazionale, per la pubblica sicurezza, per il benessere economico del paese, per la difesa dell'ordine e per la prevenzione dei reati, per la protezione della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui. Oltre che negli Accordi di Schengen, il concetto è riportato nella Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea all'art. 8, che recita:
Ogni individuo ha diritto alla protezione dei dati di carattere personale che lo riguardano.
Tali dati devono essere trattati secondo il principio di lealtà, per finalità determinate e in base al consenso della persona interessata o a un altro fondamento legittimo previsto dalla legge. Ogni individuo ha il diritto di accedere ai dati raccolti che lo riguardano e di ottenerne la rettifica. Il rispetto di tali regole è soggetto al controllo di un'autorità indipendente. Le fonti comunitarie rilevanti sono contenute nella Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio del 24 Ottobre 1995, contrassegnata dalla sigla 95/46/CE, pubblicata nella GUCE L 281 del 23.11.1995 (p.31).
100% SECURED